invictus

OUT della notte che mi copre,
Nero come il Pit da un polo all'altro,
Ringrazio qualunque divinità può essere
Per la mia anima invincibile.

Nel cadde frizione di circostanza
Non ho gridato ad alta voce, né una smorfia.
Sotto la bludgeonings d'azzardo
Ho la testa insanguinata, ma non piegato.

Al di là di questo luogo di rabbia e lacrime
Telai ma l'orrore delle ombre,
E ancora la minaccia degli anni
Trova e mi sono trovato senza paura.

Non importa come cancello dello Stretto,
Come paga con punizioni il tasto di scorrimento
Io sono il padrone del mio destino:
Sono il capitano della mia anima.

William E. HENLEY