Acido Citrico:

L’acido citrico monoidrato  è una polvere derivata da ingredienti totalmente naturali che diluita in acqua permette di realizzare cinque prodotti per la pulizia fatti in casa:

1.    ANTICALCARE (tutte le superfici lavabili)
2.    DISINCROSTANTE (lavatrice)
3.    AMMORBIDENTE (lavatrice)
4.    BRILLANTANTE (lavastoviglie)
5.    DISINCROSTANTE PER MACCHINE DA CAFFE’ E FERRO DA STIRO

Come preparare le soluzioni liquide:

RICETTA ANTICALCARE:  prepara una soluzione al 18%-20% (cioè sciogli 180-200g di acido citrico in 1L d’acqua), lascia agire per qualche minuto e risciacqua. Stai certo che tutte le incrostazioni calcaree spariranno. Ricorda che l’acido citrico è sì naturale, ma è efficace come un normale detergente acido, per cui sconsigliamo di utilizzarlo su superfici sensibili all’acido quali il marmo, il cotto, le pietre e il legno. 

RICETTA DISINCROSTANTE PER LAVATRICE: prepara una soluzione al 18-25% in un litro d’acqua (anche qui significa da 180 a 250g di acido citrico in 1L d’acqua). Versa il liquido ottenuto direttamente nel cestello della lavatrice ancora vuoto ed esegui un lavaggio ad alta temperatura. Per avere il migliore risultato ripeti l’operazione una volta al mese. 

RICETTA AMMORBIDENTE: l’acido citrico ha una doppia funzione per la lavatrice, disincrosta l’elettrodomestico e ammorbidisce la biancheria. Per usare l’acido citrico come ammorbidente perpara una soluzione un po’ più leggera, al 15% (150g di prodotto in 1L d’acqua); versa poi 100ml – equivalente a mezzo bicchiere d’acqua – nella vaschetta dell’ammorbidente. Vedrai che risultato. Se preferisci la biancheria profumata, ti consigliamo di aggiungere una goccia o due dell’essenza naturale che più ti aggrada.

RICETTA BRILLANTANTE: stavolta la soluzione da preparare è al 18% (180g di prodotto in 1L d’acqua); versala tutta nella vaschetta del brillantante regolando l’indicatore al massimo.

RICETTA DISINCROSTANTE PER MACCHINE DA CAFFE’ E FERRO DA STIRO:  preparare una soluzione del 18-20% (180-200g in un litro d’acqua) per rimuovere le incrostazioni da macchine del caffè e ferri da stiro.

NOTA BENE: Non ingerire l’acido citrico e non usarlo per nessun tipo di alimento. Conservalo in luogo asciutto e al riparo dalla luce. Non mescolarlo con altri prodotti.

NOTIZIA – “Più salute“, il mensile distribuito in farmacia da federfarma, ha recentemente parlato a favore dell’acido citrico come sostitutivo dell’ammorbidente. L’articolo si intitola “abbasso l’ammorbidente” ed è uscito nell’edizione di marzo-aprile 2009.
L’ammorbidente non è considerato un detersivo, cioè non pulisce, ma toglie solo il calcare che penetra nelle fibre dei tessuti e li rende rigidi. Gli ammorbidenti tradizionali contengono dei tensioattivi inquinanti e solo alcuni impianti di depurazione riescono a rimuoverli.
L’articolo propone un ammorbidente naturale per chi vuole la propria biancheria morbida oltre che pulita: si tratta dell’acido citrico, che sciolto nell’acqua distillata (priva di calcare) dona morbidezza ai panni proprio come un ammorbidente convenzionale. Il vantaggio rispetto all’aceto bianco, che ha proprietà simili all’acido citrico, è che quest’ultimo non ha odore, quindi i capi mantengono il profumo del detersivo che si è deciso di utilizzare.

Le quantità consigliate per fare un ammorbidente sono 800gr di acqua distillata e 200gr di acido citrico.